Valeria Solesin, una studiosa, non “una ragazza”

Valeria Solesin era il frutto di un humus culturale alto e solidale, come si poteva desumere ascoltando ieri le profonde e civilissime parole dei suoi genitori e come risulta dalle sue scelte di vita, di volontariato e di studio. valeria solesin Sociologa, ha scelto di specializzarsi alla Sorbona in ricerca di genere e più esattamente di studiare la conciliazione ossia il rapporto fra donne e lavoro, reso meno arduo in Francia da sostegni alla famiglia e più arduo in Italia da un diffuso anche se spesso inconsapevole pregiudizio. Come giornaliste non possiamo non sottolineare le parole utilizzate soprattutto nei tg per definirla: “la ragazza”. Accanto al “giovanissimo avvocato”,

al “giovane critico musicale” non si è trovato evidentemente lo spazio per dire “la giovane studiosa”, “la dottoranda”, l'”esperta di welfare di genere”. Per conoscerla meglio consigliamo la lettura di un suo articolo, non recentissimo, ma sempre molto interessante:
http://www.neodemos.info/allez-les-filles-au-travail-2/#more-5115

Questo inserimento è stato pubblicato in Pari Opportunità, Professione, Senza categoria. Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.
  • L’editoriale

  • News


    Visualizza tutte le news