Solidarietà a Monica Andolfatto, nel mirino del clan

Cosa si prova a scoprire che era stato pianificato un attentato contro di te, il sicario allertato, l’arma acquistata e nascosta, la data decisa? Poi una retata e il “loro” piano salta in aria, ma tu non ne sai niente, continui il tuo lavoro da cronista fino a quando, dieci anni dopo, l’inchiesta viene depositata, partono gli arresti e così ti trovi a rivestire il doppio ruolo di mancata vittima e di narratrice… E’ la vicenda di Monica Andolfatto, cronista de Il Gazzettino e segretaria del Sindacato veneto (SGV). La Federazione, l’Ordine, i sindacati territoriali, Controcorrente e lì dentro anche noi di NI, le associazioni fra cui GiuliaGiornaliste e tanti singoli colleghi le si stanno stringendo attorno. Sanno, sappiamo, che la guerra contro i tentacoli delle mafie è ben lontana dalla vittoria, anzi, e che tanti cronisti sono minacciati  o devono vivere sotto scorta (e c’è chi parla di circo mediatico…), ma questo, se umanamente li spaventa, certo non li induce a desistere.

Dunque, nello stringere in un unico abbraccio solidale e anche orgoglioso tutti i cronisti che non mollano, pubblichiamo la lettera di Monica Andolfatto, che ringrazia e ricorda… :

 

” Grazie. Grazie. E ancora grazie. Dell’abbraccio sincero, immediato, spontaneo. Della solidarietà che mi è arrivata da tutta Italia. Ammetto che sono stata travolta dalla conferma che il capo del clan dei casalesi di Eraclea aveva ordinato di spararmi per intimidirmi nel 2008 e che il piano è sfumato perché le forze dell’ordine hanno arrestato il pregiudicato incaricato di eseguire materialmente l’intimidazione.

Ma di più sono stata travolta, in maniera positiva e tale a tratti da commuovermi, dalla grande famiglia di cui mi sento e faccio parte. Quella delle giornaliste e dei giornalisti, in primis con il Sindacato Veneto e con la  Fnsi e cito, comprendendo quanti – tanti – mi hanno scritto o telefonato, il segretario Raffaele Lorusso e il presidente Giuseppe Giulietti, ogni giorno presenti e militanti,  con l’Ordine e il suo presidente nazionale Carlo Verna. E poi ringrazio i cdr del Corriere del Veneto e del Corriere di Verona, del gruppo Gedi del Veneto e del gruppo Athesis per i comunicati di solidarietà pubblicati. E le assostampa regionali tutte: dalla Val d’Aosta alla Sardegna, dal Trentino al Friuli, dall’Emilia alla Campania, dalla Puglia alla Basilicata, al Piemonte. Mai come in questa occasione ho toccato con mano l’importanza e il sostegno di non essere e di non sentirsi isolati,  una consapevolezza – ne sono convita – frutto del lavoro quotidiano e dell’impegno costante innanzi tutto di Giulietti che non smette di spendersi a favore dei cronisti minacciati o aggrediti, con o senza tesserino in tasca.

Confesso che leggere nero su bianco nei dettagli l’ordine impartito dal boss Luciano Donadio, collegato ai clan Schiavone e Bidognetti tramite i fratelli Buonanno, mi ha scosso un bel  po’ anche se sono passati più di dieci anni. Col senno di poi ricollego e vedo sotto un’altra luce gli incontri che nel tempo ho avuto, e che nell’immediatezza non mi spiegavo, con quelli che ora definisco i miei angeli custodi. Cosa volevano da me quei finanzieri che parlavano con un marcato accento meridionale tanto che dovevo concentrarmi per capirli? Ora lo so. Vegliavano su di me. A mia insaputa. Senza farmi preoccupare. Senza spaventarmi. Senza farmi correre rischi. Li voglio ringraziare di cuore, come ringrazio il pm titolare dell’inchiesta, il sostituto procuratore dell’Antimafia di Venezia, Roberto Terzo, per aver portato a termine l’inchiesta più dirompente mai fatta nella mia regione. A rischiare in prima persona, in indagini come queste fatte sul campo e che si protraggono per oltre un decennio, sono innanzi tutto gli investigatori, in questo caso, finanzieri e poliziotti, e i magistrati. Poi c’è la gente del posto, quella che non si piega al dominio e al predominio della camorra. Camorra che è arrivata e si è radicata in Veneto perché ha trovato terreno fertile, giungendo persino, stando alle carte, a inquinare e pilotare il voto delle ultime elezioni amministrative di Eraclea. E’ la prima volta che in un comune della regione si contesta il voto di scambio nell’ambito del 416 bis, associazione a delinquere di stampo mafioso,  con l’arresto del primo cittadino e l’iscrizione nel registro degli indagati del suo vice.

Già la camorra della porta accanto. E fuor di metafora. In manette, tra gli altri veneti doc, sono finiti anche il mio vicino di casa e anche la figlia di amici d’infanzia. Per me uno choc nello choc. Con l’operazione “At last” dal nome della barca di Donadio, cade definitivamente la presunta superiorità morale dei veneti nei confronti dei malavitosi meridionali. Il che non vuol certo dire che siamo tutti delinquenti. Al contrario. Sono convinta che gli anticorpi ci sono eccome, perché le brave persone sono la stragrande maggioranza, la vera risorsa del nostro bellissimo territorio. Serve una presa di coscienza piena però per riconoscere, al di là delle risultanze investigative, che mafia, camorra, ‘ndrangheta sono un fenomeno veneto anche per la complicità locale. Ricordando che, per così dire, pure l’omissione o l’omertà sono colpevoli.

Serve reagire tutti insieme e l’appello lanciato da Avviso Pubblico e Corriere del Veneto è un’iniziativa positiva, concreta, che va sostenuta.

Occorre fare squadra. Lo ripeto sempre. Perché ci credo. Così intendo il mio lavoro di cronista. Io ci sono perché c’è il mio giornale, ci sono i miei colleghi. E non a caso la rabbia del casalese Donadio si scaglia oltre che contro di me, contro il giornale, contro il direttore.

Il giornale, il mio al pari degli altri, è frutto dell’impegno anche dei collaboratori, le nostre antenne alzate nei paesi piccoli e grandi, che sono ancora più esposti perché vivono i luoghi di cui scrivono, che hanno aiutato pure me a capire e decifrare e che sono sempre più sottopagati.

Ecco io non solo sola perché sono una giornalista che lavora con una grande squadra. E’ questa la mia forza.

Lunedì 4 marzo rilanceremo l’impegno al direttivo di Sgv a Rovigo al quale parteciperà anche il segretario Fnsi Lorusso. Mercoledì 6 marzo saremo a Padova con il presidente Fnsi Giulietti e con don Luigi Ciotti di Libera, quale tappa di avvicinamento alla XXIV Giornata nazionale della Memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie organizzata da Libera sempre a Padova il 21 marzo. Tutti insieme. Sempre. ”

Monica Andolfatto

Cronista de Il Gazzettino

Segretaria Sindacato giornalisti Veneto

 

Questo inserimento è stato pubblicato in Diritti e Doveri, Professione, Senza categoria. Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.
  • L’editoriale

  • News


    Visualizza tutte le news