Riforma Inpgi, parte seconda: chi non è toccato

dueCi sono diverse situazioni per le quali la riforma non produce alcun effetto, oltre a quelle già analizzate nella prima parte.

  1. Il prepensionamento previsto dall’articolo 37 della legge 416 rimane invariato, fino a quando non verrà auspicabilmente riformata la legge. Chi si trova in lista di attesa a seguito di accordi sindacali ratificati al Ministero del Lavoro potrà optare per il prepensionamento al momento della maturazione dei requisiti, per gli accordi ancora non ratificati tutto dipende dall’eventuale disponibilità di fondi, che al momento pare improbabile.
  2. Chi ha perso il lavoro e viene autorizzato alla contribuzione volontaria prima dell’approvazione della riforma da parte dei Ministeri vigilanti potrà andare in pensione di vecchiaia o di anzianità con i requisiti pre-riforma, a condizione che li maturi nei 24 mesi successivi alla medesima data di approvazione.
  3. Chi fosse disoccupato o inoccupato alla data del 27 luglio 2015 e raggiungesse i requisiti pre-riforma per la pensione di vecchiaia o anzianità entro 24 mesi dalla data di approvazione da parte dei Ministeri vigilanti potrà andare in pensione con i vecchi requisiti
  4. Analoga opzione per chi si trova in congedo straordinario dal lavoro per assistere familiari con disabilità gravi.
  5. Infine viene mantenuto il diritto alla pensione di vecchiaia

    per le donne a 60 anni di età e con 20 anni di contributi fino al 31 dicembre 2021 a condizione che al 27 luglio 2015 avessero perso il lavoro, fossero state ammesse alla prosecuzione volontaria della contribuzione e non vengano riassunte prima della pensione. Per chi di loro sia stata ammessa alla prosecuzione volontaria dopo il 30 giugno 2012 si applicheranno gli abbattimenti percentuali del trattamento previsti in proporzione alla durata dell’anticipazione della pensione rispetto ai nuovi requisiti.

Per tutti gli altri le cose cambiano, ammesso che la riforma venga approvata dai Ministeri, sotto diversi aspetti.

Li vediamo nella prossima puntata.

    (2- segue)

    Questo inserimento è stato pubblicato in Dipendente, Lavoro, Previdenza, Senza categoria, Uncategorized. Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.
    • L’editoriale

    • News


      Visualizza tutte le news