Dialogo fra chi crede e chi no (nel voto per l’Ordine)

di Mario Consani

Chi non va a votare, spesso mi risponde così:

L’ORDINE NON SERVE, VA ABOLITO. In effetti esiste solo in Italia, però non è vero che negli altri Paesi europei non ci siano forme, sia pur diverse, di “controllo” su chi vuol vivere di giornalismo. E ad ogni modo, abolito l’Ordine restano solo gli editori: andrebbe meglio? C’è il sindacato, certo, ma ha già i suoi problemi.

LE SCUOLE DI GIORNALISMO CREANO SOLO DISOCCUPATI. A parte il fatto che il concetto di “occupazione” oggi ha significati molti vari, l’alternativa quale sarebbe:tornare alla scuola del marciapiede? Dicono: le università come negli Usa. Ma ci vuole una legge. E poi dopo la laurea? Bisognerebbe obbligare gli editori a “pescare” qualche assunto da lì. E saremmo al punto di prima.

A 3 EURO AL PEZZO NON ESISTE DEONTOLOGIA. Comprensibile ma non giustificato. Abbassando il paletto della propria dignità si sopravvive, ma è un’illusione. La legge sull’equo compenso esiste: ci vuole la forza dell’Ordine e del sindacato per farla rispettare e conquistare condizioni migliori, anche se non basterà con la crisi che ha devastato il nostro mondo. Bisogna essere spietati con noi stessi: una soluzione semplice non esiste.

L’ORDINE È SEMPRE NELLE MANI DELLE SOLITE PERSONE. Problema innegabile, che riguarda anche il sindacato e altri enti di categoria. Così come è innegabile che i colleghi giovani si tengano per lo più lontani da tutto. Ma la soluzione non può essere quella di astenersi da ogni appuntamento, anche perché finché l’Ordine esiste qualcuno andrà a votare e gli eletti agiranno attingendo ai denari di tutti.

NON SI PUÒ CONTINUARE A VOTARE IN QUESTO MODO NEL 2017. Questione seria che certo penalizza la partecipazione elettorale fino a schiacciarla a livelli minimi. Se non si vota online è perché non lo prevede la legge del 1963 che regola ogni aspetto della professione, compreso questo. Va cambiata. Sembrava impossibile farcela anche per il numero dei membri del Cnog, che invece sono stati più che dimezzati per legge. Bisogna provarci.

Questo inserimento è stato pubblicato in Diritti e Doveri, Lavoro, Professione, Senza categoria. Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.
  • L’editoriale

  • News


    Visualizza tutte le news