Sentenza Cassazione: un datore di lavoro può controllare le mail di un dipendente, ma solo in caso di insider trading

Quando in gioco c’è l’immagine della sua impresa e il patrimonio aziendale, il datore di lavoro può controllare la posta elettronica dei dipendenti per accertare comportamenti scorretti, come l’insider trading.  Lo sottolinea la Cassazione confermando il licenziamento di un alto dirigente di un istituto di credito che speculava su informazioni finanziarie riservate. Con questa decisione – sentenza 2722 della sezione Lavoro – la Suprema Corte ha respinto il ricorso di un ex dirigente della Bipop Carire, incorporata nella banca Unicredit, contro il licenziamento in tronco inflittogli il 15 aprile del 2004 “per aver divulgato a mezzo di messaggi di posta elettronica, diretti ad estranei, notizie riservate concernenti un cliente dell’Istituto e di aver posto in essere, grazie alle notizie in questione, operazioni finanziarie da cui aveva tratto vantaggio personale”. Il caso, quindi, riguarda una vicenda che non ha nulla a che fare con quanto previsto dal contratto di lavoro. Sia in primo grado che in appello, con sentenza del 13 ottobre 2009, i giudici di merito avevano confermato il licenziamento ritenendo non contrastante con l’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori “il controllo della posta elettronica del dipendente, in quanto diretta ad accertare ex post una condotta attuata in violazione degli obblighi fondamentali di fedeltà e riservatezza e postasi in contrasto con l’interesse del datore”. Secondo la corte d’Appello di Brescia il comportamento del manager era stato di «indubbia gravità e particolarmente lesivo dell’elemento fiduciario in quanto il suo comportamento nasceva da un abuso della sua elevata posizione professionale”. Senza successo Alfredo B., il dirigente licenziato, ha contestato la legittimità del licenziamento sostenendo che erano illeciti i controlli effettuati sulle sue e-mail. Ma la Cassazione gli ha risposto che un caso del genere non rientra nella tutela prevista dall’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori che vietano i controlli datoriali troppo invasivi. In questa vicenda, osserva la Suprema Corte, “il datore di lavoro ha posto in essere un’attività di controllo sulle strutture informatiche aziendali che prescindeva dalla pura e semplice sorveglianza sull’esecuzione della prestazione lavorativa degli addetti ed era, invece, diretta ad accertare la perpetrazione di eventuali comportamenti illeciti (poi effettivamente riscontrati) dagli stessi posti in essere”.

Questo inserimento è stato pubblicato in News. Metti un segnalibro su permalink. Sia i commenti che i trackback sono chiusi.
  • L’editoriale

  • News


    Visualizza tutte le news