Pro, contro e oltre il prelievo di solidarietà

duellantiPrelievo di solidarietà, pensioni d’oro, sostenibilità dell’Istituto, difetti genetici del sistema a ripartizione, giovani contro vecchi, anzi no vecchi contro giovani… Sull’Inpgi è stata fatta molta demagogia e pure sparsa altrettanta malafede, col risultato di confondere quei colleghi che, a loro volta peccando di superficialità, non sono andati a informarsi nel merito. Come dire, per restare nella nostra bottega, colleghi che han letto solo i titoli e non gli articoli. Ci è sembrato allora utile pubblicare qui, col consenso un po’ stupito degli interessati, uno scambio privatissimo fra due colleghi il cui unico errore era stato quello di mettermi in copia: Vieri Poggiali già presidente dell’Inpgi dal 1987 al 1991 e prima ancora, dal ’64 nel suo cda, e Guido Besana per tre mandati all’Inpgi come presidente della commissione Contributi e vigilanza. Oltre che entrambi passato e presente del nostro sindacato. Il confronto, banalizzando al massimo, è fra chi ritiene che non si debba ledere quel bene primario che sono i diritti acquisiti, perché i patti vanno rispettati e perché sulla loro base ciascuno ha pianificato il proprio futuro, e chi invece ritiene che questo diritto andrebbe ridefinito alla luce dei mutati tempi e risorse tanto più se costruito su disparità o regalìe. Leggi tutto »

Pubblicato in Lavoro, Previdenza, Senza categoria | Scrivi un commento

Turchia 2- Nuove purghe contro i media

free mediaÖzgur Gundem è l’ultimo giornale di opposizione in Turchia chiuso, oggi, d’imperio su ordine del tribunale di Istanbul per presunta “diffusione di propaganda a favore del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), già messo fuorilegge”. Subito dopo l’annuncio della chiusura del giornale filocurdo la polizia ne ha perquisito la sede, nel quartiere Beyoglu di Istanbul, arrestando il redattorecapo (noi diremmo il direttore) Zana Kaya ed i giornalisti Günay Aksoy, Kemal Bozkurt, Reyhan Hacioglu, Önder Elaldı, Ender Önder, Sinan Balik, Fırat Yeşilçınar, İnan Kizilkaya, Özgür Paksoy, Zeki Erden, Elif Aydoğmuş, Bilir Kaya, Ersin Çaksu, Mesut Kaynar, Sevdiye Gürbüz, Amine Demirkiran, Bayram Balcı, Burcu Özkaya, Yılmaz Bozkurt, Gülfem Karataş, Gökhan Çetin, Hüseyin Gündüz e Asli Erdogan. Subito dopo aver chiuso la redazione di Özgür Gündem, la polizia ha fatto irruzione in cas Leggi tutto »

Pubblicato in Professione, Senza categoria, Società | Scrivi un commento

Turchia 1- Eravamo quattro amici al bar

attentatoOltre 150 le testate di giornali, radio, televisioni, agenzie chiuse. Centinaia ormai i giornalisti arrestati. Chiuse anche case editrici e libri mandati al rogo (ricorda niente?). Denunciate torture e intimidazioni unite a proposte di collaborazione. Uno stillicidio quotidiano: la banale – banale in questo contesto – vicenda di “quattro amici al bar” che raccontiamo più avanti dimostra come sia rischioso persino fare il cronista. Questo è diventata la Turchia, che ogni giorno rinforza il muro che imprigiona l’informazione e la libertà di pensiero, reiterando la minaccia di pena di morte “se il popolo lo vuole” (cui si aggiungono nuove promesse di atti “peggiori della morte”). Quotidianamente si ripetono manifestazioni in tutta Europa: le proteste sotto le ambasciate turche, fra cui l’impegno della Fnsi, la mobilitazione internazionale lanciata dai sindacati internazionale ed europeo dei giornalisti (Ifj e Efj)… Ammirevole il coraggio con cui molti giornalisti turchi nonostante i rischi continuano a testimoniare la repressione Leggi tutto »

Pubblicato in Professione, Società | Scrivi un commento

Gli assassini non vanno in vacanza

Rapito, torturato ed ucciso. Il collega curdo Wedat Hussein Ali è stato assassinato il 13 agosto, poche ore dopo essere stato rapito nella città di Dohuk, nel Kurdistan iracheno. A sostegno della denuncia del Sindacato del Giornalisti del Kurdistan (KJS) oggi anche la Federazione internazionale, Ifj, cui aderisce, ha scritto al presidente Massoud Barzani chiedendo un’inchiesta approfondita. Ali, redattore dell’Agenzia RojNews, è stato rapito nel quartiere Malta di Duhok Leggi tutto »

Pubblicato in Professione, Senza categoria, Società | Scrivi un commento

E ora parliamo di contratto. 1- Scena e retroscena

di Guido Besana
Il Contratto di lavoro FNSI FIEG è scaduto il 31 Marzo 2016. La FIEG lo ha disdettato. Poi FIEG e FNSI hanno sottoscritto un accordo per prorogarne la validità al 30 Settembre 2016. A partire dal mese di Settembre del 2015 ci sono stati diversi incontri tra le parti per verificare la possibilità di un rinnovo. Al momento le posizioni sono distanti. Se devo attenermi ai fatti il punto sul Contratto è questo, e non ci sarebbe altro da aggiungere. Però in questi mesi molto altro è stato aggiunto, tra rivelazioni, scoop, retroscena, allarmi, scandali, denunce varie di violazione dello Statuto federale, pubblicazione di documenti segreti. E quindi anche su tutto ciò bisogna dare Leggi tutto »

Pubblicato in Lavoro, Professione, Senza categoria | Scrivi un commento

Siddi o il dono dell’ubiquità

In sanscrito “siddi” significa “capacità perfetta” la cui dote principale è la bilocazione – attribuita a maghi o sensitivi o spiritisti, da Buddha ai mistici cristiani, ma prima ancora a Pitagora -, ossia la capacità di essere in due luoghi contemporaneamente. Fonti: Vita di Pitagora di Porfirio, 27; Vita di Pitagora di Giamblico, 134. Ovvero il più recente Riedweg alle pagine 50 e 51 : https://books.google.it/books?id=eWc6-RU0oh8C&pg=PA51&lpg=PA51&dq=riedweg+siddi+pitagora&source=bl&ots=SxRuGLi-jw&sig=TaGjTyR1spsEhz5Ib5aazVq9QG4&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjDxqzA-LjOAhXlCsAKHUGJD3EQ6AEIHDAA#v=onepage&q=riedweg%20siddi%20pitagora&f=false sufi
2 – Siddi è anche un toponimo sardo, di un paese noto per il suo museo ornitologico, Leggi tutto »

Pubblicato in Diritti e Doveri, Professione, Senza categoria | 1 Replica

Le nostre proposte per riformare l’Ordine

di Oreste Pivetta
pergamenaCon la presentazione e con le successive votazioni alla Camera e al Senato della cosiddetta legge per l’editoria (Istituzione del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione e deleghe al Governo per la ridefinizione del sostegno pubblico all’editoria) si è avviato il cammino della riforma, più volte invocata, dell’Ordine dei giornalisti, il cui ordinamento venne fissato dalla legge del 1963, una legge che risale dunque a oltre mezzo secolo fa. La proposta di legge per l’editoria, si limita, per quanto riguarda l’Ordine, a fissare il numero dei consiglieri nazionali, ripristinando il rapporto due/uno tra professioni e pubblicisti (“purché questi ultimi siano come tali titolari di una posizione previdenziale attiva presso l’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani”), secondo quindi l’indicazione all’origine della legge istitutiva (articolo 16 Capo II), delegando al Governo il compito di fissare le competenze del Consiglio nazionale (entro sei mesi dalla approvazione della legge stessa) in materia di formazione e di disciplina, adeguando il sistema elettorale, “garantendo la massima rappresentatività territoriale”,e ribadendo che “nessuno può assumere il titolo né esercitare la professione di giornalista, se non è iscritto Leggi tutto »

Pubblicato in Diritti e Doveri, Professione, Senza categoria | Scrivi un commento

Bello Report, ma controllare i pezzi non guasterebbe

di Guido Besana

Come molti apprezzo, in genere, il programma di Milena Gabanelli anche se ogni tanto mi sembra che costruisca alcuni servizi in modo preconcetto. Domani sera Report parla di Inpgi, dei conti del nostro Istituto e delle sue difficoltà. Al solito è stata pubblicata un’anticipazione sul sito del Corriere, e devo dire che quei due minuti e mezzo sono piuttosto sconfortanti. Prendiamo Leggi tutto »

Pubblicato in Diritti e Doveri, Professione, Senza categoria | Commenti chiusi

L’Ordine censura chi titola “baby squillo”. Bene!

foto bima Valentina Gamba Chiamala violenzaVe lo ricordate? Quando la dignità delle bambine veniva ingiuriata da quei titoli fra il cinico ed il pruriginoso. E alle proteste indignate i cronisti coinvolti rispondevano, con un di più di cinismo, che “baby squillo è corto e ci sta bene nei titoli…”. Ora, votata all’unanimità dal Consiglio nazionale dell’Ordine, è arrivata la censura. Sulla base delle indicazioni del Gruppo di lavoro Pari opportunità, coordinato da Gegia Celotti. Grazie a Gegia, ai componenti del gruppo (Giampaolo Boetti e M. Ancilla Fumagalli, più Giovanna Pezzuoli e Antonella Sperati) e a tutto il Cnog. Questo l’ordine del giorno Leggi tutto »

Pubblicato in Diritti e Doveri, Professione, Senza categoria | Commenti chiusi

Caltagirone, per soldi solo per soldi

caltagironeCaltagirone editore lascia dopo vent’anni la Fieg e, fra le motivazioni possibili, sceglie di indicare la più strampalata: “Fatti i doverosi distinguo, la (nostra) decisione ricorda quella assunta dal gruppo Fiat quando, alcuni anni fa, sulla base di diverse visioni sul futuro dell’industria italiana, non in sintonia con l’allora vertice della Confindustria, decise di abbandonare l’associazione degli industriali”. Ovvero, si scrive “Visioni sul futuro” e si legge “Sguardo al portafogli”. Per denaro, insomma, solo per denaro: è così che, con toni simili, hanno commentato la stessa Fieg, Carlo De Benedetti, i sindacati… Del Gruppo, quotato a piazza Affari, fanno parte Il Messaggero, Il Mattino, Il Gazzettino, Il Corriere Adriatico, il Quotidiano di Puglia, Leggo e tutte le relative edizioni on line. Leggi tutto »

Pubblicato in Lavoro, Senza categoria, Vertenze | Commenti chiusi
  • L’editoriale

  • News


    Visualizza tutte le news